Cecco Angiolieri, Tre cose solamente m’ènno in grado, parafrasi



CECCO ANGIOLIERI

TRE COSE SOLAMENTE M’ÈNNO IN GRADO

- PARAFRASI DEL TESTO -

Tre cose solamente m’ènno in grado,

le quali posso non ben men fornire:

ciò è la donna, la taverna e ’l dado;

queste mi fanno ’l cuor lieto sentire.

[vv. 1 – 4] Mi sono gradite soltanto tre cose, che non riesco a procurarmi nella misura in cui vorrei: cioè la donna, la taverna e il gioco (dado: sineddoche); sono queste le cose che mi fanno sentire il cuore lieto.


Ma sì me le conven usar di rado,

ché la mie borsa mi mett’al mentire;

e quando mi sovvien, tutto mi sbrado,

ch’i’ perdo per moneta ’l mie disire.

[vv. 5 – 8] Tuttavia me le posso permettere solo rado, perché le mie finanze (borsa: sineddoche) mi smentiscono (me lo impediscono) e quando ci ripenso, mi metto a sbraitare perché per mancanza di soldi mi perdo quello che desidero.

E dico: – Dato li sia d’una lancia! –

Ciò a mi’ padre, che mi tien sì magro,

che tornare’ senza logro di Francia.

[vv. 9 – 11] E dico: “Sia trafitto da una lancia!”, questo a mio padre, che mi tiene così magro, che potrei tornare a piedi dalla Francia senza dimagrire ulteriormente (senza logro: senza logoramento).


Trarl’un denai’ di man serìa più agro,

la man di pasqua che si dà la mancia,

che far pigliar la gru ad un bozzagro.

[vv. 12 – 14] Sarebbe (fora) più difficile (più agro) togliergli un denaro la mattina del giorno di Pasqua, quando si dà la mancia, che far catturare una gru da una poiana.


APPUNTI CORRELATI

Appunti Correlati:


Autore:



Staff