Riassunto in italiano Duncan’s murder


WILLIAM SHAKESPEARE

DUNCAN’S MURDER

– da MACBETH – ACT II, SCENE II –

– RIASSUNTO IN ITALIANO –
ANTEFATTO DEL BRANO

Macbeth e Banquo, generali del re di Scozia Duncan, dopo una grande vittoria sulle forze congiunte di Norvegia e Irlanda, incontrano sulla brughiera Tre Streghe. Queste predicono a Macbeth che diverrà prima barone di Cawdor e successivamente re di Scozia, e a Banquo che sarà “padre di re”. Alla scomparsa delle streghe, Macbeth e Banquo vengono raggiunti dalla notizia che Macbeth è stato nominato barone di Cawdor. L’avverarsi della prima parte della profezia accende l’ambizione nell’animo di Macbeth, e la sua brama di potere viene ulteriormente alimentata dalle parole della moglie Lady Macbeth, sua confidente e consigliera. Così Macbeth matura la decisione di uccidere Duncan per impossessarsi subito della corona e, in una notte in cui il re è suo ospite, lo assassina nel sonno. La scena riportata nel testo Duncan’s murder si inserisce a questo punto della vicenda, appena dopo il compimento dell’assassinio.

RIASSUNTO DEL BRANO

Il testo contiene le battute che Macbeth e Lady Macbeth si scambiano nel momento in cui il protagonista ritorna dalla consorte dopo l’assassinio del re Duncan. La conversazione mostra come il misfatto abbia da subito un effetto lacerante sull’animo di Macbeth. Il protagonista, infatti, risulta talmente scosso dall’omicidio da precipitare in uno stato quasi catatonico, cosicché è Lady Macbeth, di temperie più fredda e pragmatica, a dover prendere il controllo della situazione e andare a porre i pugnali insanguinati nelle mani delle guardie del re, per dirottare su di loro i sospetti. Macbeth, intanto, schiacciato dal peso della colpa di cui si è macchiato, pronuncia parole che lasciano intendere sentimenti di paura e rimorso, mormora assente frasi in cui serpeggiano presagi sinistri, e così dà prova di un’inadeguatezza al male che prelude a quella perdita della pace dell’animo che segnerà il corso successivo della tragedia.

Appunti Correlati: