Francesco Petrarca


Testi disponibili:


Benedetto sia ’l giorno, e ’l mese, e l’anno


Chiare, fresche e dolci acque


Era il giorno ch’al sol si scoloraro


Erano i capei d’oro a l’aura sparsi


Italia mia, benché ’l parlar sia indarno


La gola e ’l somno et l’otiose piume


La vita fugge e non s’arresta un’ora


Levommi il mio penser in parte ov’era


Movesi il vecchierel canuto et biancho


O cameretta che già fosti un porto


Pace non trovo, et non ò da far guerra


Padre del ciel, dopo i perduti giorni


Passa la nave mia colma d’oblio


Quanto piú m’avicino al giorno extremo


Quel rosignuol, che sì soave piagne


Se lamentar augelli, o verdi fronde


Solo et pensoso i più deserti campi


Tutta la mia fiorita et verde etade


Vago augelletto che cantando vai


Vergine bella che di sol vestita


Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono


Zefiro torna, e ‘l bel tempo rimena