Traduzione Dorian’s death


OSCAR WILDE

DORIAN’S DEATH

da THE PICTURE OF DORIAN GRAY – CHAPTER 20

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

Nel brano Dorian’s death (ossia: “La morte di Dorian”), tratto dal capitolo 20 del romanzo The Picture of Dorian Gray, vengono narrati gli ultimi momenti della vita del protagonista: Dorian, tormentato dal rimorso per le nefandezze compiute, e assillato dal pensiero dell’immagine sgradevole e meschina che via via è comparsa sul suo ritratto, si convince che l’unica maniera di recuperare la pace interiore sia distruggere il dipinto; perciò, Dorian afferra un pugnale e con esso squarcia la tela; ma con questo gesto, a sorpresa, egli provoca la propria morte.

Il racconto si colloca nelle ultime pagine del romanzo: nel corso degli anni, Dorian si è sentito sempre più turbato dalle chiacchiere intorno alla sua persona provocate dalla sua condotta amorale e cinica; ad accrescere il tormento di Dorian hanno concorso i rimorsi di coscienza che egli ha cominciato a provare per le morti di alcuni personaggi della cui scomparsa egli si è reso a vario titolo responsabile: il pittore Basil Hallward, che egli stesso ha ucciso, il chimico Alan Campbell, suicidatosi per averlo aiutato a disfarsi del cadavere di Basil Hallward, e James Vane, rimasto ucciso mentre cercava di punire Dorian per aver causato il suicidio della sorella Sybil Vane.

Sotto la spinta di questi tormenti, Dorian si è sforzato, per un periodo, di condurre una vita meno cinica, ha frequentato un piccolo villaggio fuori Londra, ha rinunciato all’amore di una fanciulla del luogo – Hetty Merton – al fine di salvaguardarne l’innocenza.

Una sera, tornando a casa, Dorian viene preso dalla curiosità di andare a controllare se, sul ritratto che tiene nascosto in soffitta, siano visibili dei segni di miglioramento connessi alla sua recente buona condotta. Tuttavia, quando scopre il dipinto, Dorian non solo non vi vede miglioramenti, ma anzi, vi scorge una più meschina espressione di ipocrisia e astuzia.

Sopraffatto dalla delusione e dal senso di impotenza, ed incapace di sopportare oltre gli impietosi “rimproveri” che il ritratto incantato inesorabilmente gli indirizza, Dorian afferra il coltello col quale ha ucciso l’autore del quadro, Basil Hallward, e squarcia la tela. Trafiggendo il proprio ritratto, però, Dorian uccide se stesso.

Il grido che Dorian emette nel pugnalarsi sveglia la servitù, che si attiva per capire cosa sia accaduto. Quando alcuni tra i domestici riescono ad entrare nella in cui si è consumata la tragedia, trovano appeso al muro il ritratto di Dorian, tornato nel pieno del suo splendore. A terra, invece, giace il cadavere di un vecchio, avvizzito e logorato dalla vita, con un pugnale conficcato nel cuore. E il defunto appare così diverso dal Dorian che i domestici sono abituati a vedere, che solo dall’esame degli anelli alle sue dita essi riescono a capire che si tratta proprio di Dorian Gray.


TRADUZIONE

It was a lovely night, so warm that he threw his coat over his arm and did not even put his silk scarf round his throat.

Era una notte deliziosa, così calda che (Dorian) si gettò il cappotto sul braccio e non si mise neppure la sua sciarpa di seta intorno al collo (throat: “gola”).


As he strolled home, smoking his cigarette, two young men in evening dress passed him. He heard one of them whisper to the other, «That is Dorian Gray.»

Mentre passeggiava verso casa, fumando la sua sigaretta, due giovani uomini in abito da sera lo sorpassarono. Sentì uno di essi bisbigliare all’altro: “Quello è Dorian Gray”.


He remembered how pleased he used to be when he was pointed out, or stared at, or talked about. He was tired of hearing his own name now.

Si ricordò del piacere che provava quando veniva indicato, o fissato, o si parlava di lui. Ora era stanco di sentire il suo nome.


Half the charm of the little village where he had been so often lately was that no one knew who he was.

Metà dell’attrattiva del piccolo villaggio dove era stato così spesso recentemente, consisteva proprio nel fatto che nessuno sapesse chi egli fosse.


He had often told the girl whom he had lured to love him that he was poor, and she had believed him. He had told her once that he was wicked, and she had laughed at him and answered that wicked people were always very old and very ugly.

Aveva spesso raccontato alla ragazza che aveva fatto innamorare di sé (lett.: “che aveva indotto ad amarlo”) che era povero, ed ella gli aveva creduto. Una volta le aveva detto che era malvagio, e lei aveva riso, ed aveva risposto che gli uomini malvagi sono sempre molto vecchi e molto brutti.

What a laugh she had! – just like a thrush singing. And how pretty she had been in her cotton dresses and her large hats! She knew nothing, but she had everything that he had lost.

Che risata aveva! Esattamente come il canto di un tordo. E come era stata carina nei sui abiti di cotone e nei suoi grandi cappelli! Non sapeva nulla, ma aveva tutte quelle cose che egli aveva perso.


When he reached home, he found his servant waiting up for him. He sent him to bed, and threw himself down on the sofa in the library, and began to think over some of the things that Lord Henry had said to him.

Quando giunse a casa (to reach: “raggiungere, arrivare”) trovò il suo domestico in piedi ad aspettarlo. Lo mandò a letto, e si gettò sul divano nella biblioteca, e iniziò a rimuginare su alcune delle cose che Lord Henry gli aveva detto.


Was it really true that one could never change? He felt a wild longing for the unstained purity of his boyhood – his rose-white boyhood, as Lord Henry had once called it.

Era proprio vero che un uomo non potesse cambiare mai? Avvertì un’acuta, intensa nostalgia (longing) per la purezza immacolata (unstained: “non macchiato, non segnato”) della sua giovinezza, la sua candida e rosea giovinezza, come l’aveva chiamata lord Henry una volta.


He knew that he had tarnished himself, filled his mind with corruption and given horror to his fancy; that he had been an evil influence to others, and had experienced a terrible joy in being so; and that of the lives that had crossed his own, it had been the fairest and the most full of promise that he had brought to shame. But was it all irretrievable? Was there no hope for him?

Sapeva che aveva macchiato se stesso, (sapeva che aveva) riempito la sua mente di lascivia e (che aveva) alimentato di orrori (lett. “dato orrore”) la sua fantasia; (sapeva) di essere stato un cattivo esempio per gli altri e di aver provato una gioia terribile nell’esserlo; e (sapeva) che, delle vite che avevano incrociato la sua, essa (la sua vita) era stata la più bella e la più ricca di promesse, (promesse) che egli, invece, aveva portato alla vergogna. Ma era tutto irrecuperabile? Davvero non c’era nessuna speranza per lui?


Ah! in what a monstrous moment of pride and passion he had prayed that the portrait should bear the burden of his days, and he keep the unsullied splendour of eternal youth!

Ah! In che momento nefando, di orgoglio e di passione, aveva pregato che il ritratto sostenesse il fardello dei suoi giorni, e che egli conservasse l’immacolato splendore di un’eterna giovinezza!


All his failure had been due to that. Better for him that each sin of his life had brought its sure swift penalty along with it. There was purification in punishment. Not «Forgive us our sins» but «Smite us for our iniquities» should be the prayer of man to a most just God.

Tutta la sua cattiva riuscita (ossia: “tutta la cattiva riuscita della sua vita”) era dipesa da quel fatto. Meglio per lui (sarebbe stato) che ogni peccato della sua vita avesse portato con sé la sua ferma ed immediata punizione. C’era riscatto nella punizione. Non “Perdona a noi i nostri peccati” bensì “Puniscici per le nostre scelleratezze” dovrebbe essere la preghiera dell’uomo a un Dio più giusto.


The curiously carved mirror that Lord Henry had given to him, so many years ago now, was standing on the table, and the white-limbed Cupids laughed round it as of old.

Lo specchio intagliato in maniera bizzarra che Lord Henry gli aveva donato tanti anni fa, stava appoggiato sul tavolo e i Cupidi dalle bianche membra sorridevano attorno ad esso come un tempo.


He took it up, as he had done on that night of horror when he had first noted the change in the fatal picture, and with wild, tear-dimmed eyes looked into its polished shield.

Lo sollevò, come aveva fatto in quella notte di paura, quando, per la prima volta, aveva notato un mutamento nel ritratto incantato, e con gli occhi feroci e colmi di lacrime, aveva guardato nella superficie lucida (shield: “scudo, schermo”) di esso (dello specchio).

Once, someone who had terribly loved him had written to him a mad letter, ending with these idolatrous words: «The world is changed because you are made of ivory and gold. The curves of your lips rewrite history.»

Una volta, qualcuno che lo aveva amato smisuratamente gli aveva scritto una lettera folle, concludendola con queste parole di adorazione: “Il mondo è cambiato, perché voi siete fatto d’avorio e d’oro. Le curve delle vostre labbra riscrivono la storia”.


The phrases came back to his memory, and he repeated them over and over to himself. Then he loathed his own beauty, and flinging the mirror on the floor, crushed it into silver splinters beneath his heel. It was his beauty that had ruined him, his beauty and the youth that he had prayed for.

Le frasi ritornarono alla sua memoria ed egli le ripeté a se stesso più e più volte. Poi denigrò (to loathe: “aborrire, detestare, provare avversione per”) la propria bellezza, e scagliando lo specchio sul pavimento, lo ridusse (to crush: “frantumare”) in schegge d’argento sotto il tacco. Era la sua bellezza che lo aveva rovinato, la sua bellezza e la giovinezza per la quale aveva pregato (to pray for: “pregare per, implorare qualcosa”).


But for those two things, his life might have been free from stain. His beauty had been to him but a mask, his youth but a mockery.

Se non fosse stato per quelle due cose, la sua vita avrebbe potuto essere senza macchia. La sua bellezza era stata per lui nient’altro che una maschera, la sua giovinezza nient’altro che una beffa.


What was youth at best? A green, an unripe time, a time of shallow moods, and sickly thoughts. Why had he worn its livery? Youth had spoiled him.

Che cos’era la giovinezza nel migliore dei casi? Una stagione (lett. “tempo”) acerba, non matura, una stagione di umori frivoli e pensieri stucchevoli. Perché ne aveva indossato la livrea? (ossia: “Perché aveva scelto di rimanere giovane?”) La giovinezza lo aveva guastato.


It was better not to think of the past. Nothing could alter that. It was of himself, and of his own future, that he had to think. James Vane was hidden in a nameless grave in Selby churchyard.

Era meglio non pensare al passato. Niente avrebbe potuto cambiarlo. Era a sé stesso e al proprio futuro che doveva pensare. James Vane era sepolto (to hide: “nascondere, celare, occultare”) in una tomba senza nome nel cimitero di Selby.


Alan Campbell had shot himself one night in his laboratory, but had not revealed the secret that he had been forced to know.

Alan Campbell si era sparato una notte nel suo laboratorio, ma non aveva rivelato il segreto che era stato obbligato a conoscere.


The excitement, such as it was, over Basil Hallward’s disappearance would soon pass away. It was already waning. He was perfectly safe there.

L’agitazione, quale che essa fosse, sulla scomparsa di Basil Hallward, sarebbe passata presto (to pass away: “spegnersi, venire a mancare”). Si stava già affievolendo. Era perfettamente al sicuro, da questo punto di vista (there: “sotto questo aspetto”).


Nor, indeed, was it the death of Basil Hallward that weighed most upon his mind. It was the living death of his own soul that troubled him. Basil had painted the portrait that had marred his life. He could not forgive him that.

Non era, infatti, la morte di Basil Hallward che pesava maggiormente sulla sua mente. Era la morte vivente della propria anima che lo tormentava. Basil aveva dipinto il ritratto che aveva rovinato la sua vita. Non glielo poteva perdonare.


It was the portrait that had done everything. Basil had said things to him that were unbearable, and that he had yet borne with patience. The murder had been simply the madness of a moment. As for Alan Campbell, his suicide had been his own act. He had chosen to do it. It was nothing to him.

Era il ritratto la causa di tutto (lett. “era il ritratto che aveva fatto tutto”). Basil gli aveva detto cose che erano insopportabili, e che tuttavia egli aveva sopportato con pazienza. L’assassinio era stato semplicemente la follia di un attimo. Per quanto riguardava Alan Campbell, il suo suicidio era stato un suo atto deliberato. Aveva scelto lui di farlo. Non era affare suo.

A new life! That was what he wanted. That was what he was waiting for. Surely he had begun it already. He had spared one innocent thing, at any rate. He would never again tempt innocence. He would be good.

Una nuova vita! Era quello che voleva. Era quello che stava aspettando. Indubbiamente l’aveva già iniziata. Aveva salvaguardato una creatura innocente (Hetty Merton), in ogni caso. Non avrebbe mai più insidiato l’innocenza. Sarebbe stato buono.


As he thought of Hetty Merton, he began to wonder if the portrait in the locked room had changed. Surely it was not still so horrible as it had been?

Mentre pensava a Hetty Merton, iniziò a chiedersi se il ritratto nella stanza chiusa fosse cambiato. Di certo non era più così orribile come era stato.


Perhaps if his life became pure, he would be able to expel every sign of evil passion from the face. Perhaps the signs of evil had already gone away. He would go and look.

Forse, nel caso la sua vita diventasse pura, egli sarebbe riuscito ad eliminare dal viso ogni segno di depravazione. Forse i segni del male erano già svaniti. Doveva andare a vedere.


He took the lamp from the table and crept upstairs. As he unbarred the door, a smile of joy flitted across his strangely young-looking face and lingered for a moment about his lips.

Prese la lampada dal tavolo e salì guardingo le scale. Appena tolse il catenaccio della porta, un sorriso di gioia balenò sul suo viso curiosamente giovanile e indugiò per un momento sulle sue labbra.


Yes, he would be good, and the hideous thing that he had hidden away would no longer be a terror to him. He felt as if the load had been lifted from him already.

Sì, sarebbe stato buono e quella cosa ripugnante (il ritratto) che teneva nascosta non sarebbe stata più motivo di terrore per lui. Si sentì come se quel peso fosse già stato rimosso da lui.


He went in quietly, locking the door behind him, as was his custom, and dragged the purple hanging from the portrait. A cry of pain and indignation broke from him. He could see no change, save that in the eyes there was a look of cunning and in the mouth the curved wrinkle of the hypocrite.

Entrò con calma, chiudendo la porta dietro di sé, com’era sua abitudine, e scostò il panno purpureo dal ritratto. Un grido di dolore e d’indignazione proruppe da lui (ossia: “Dorian emise un grido di dolore e d’indignazione”). Non riusciva a vedere alcun cambiamento, salvo che negli occhi c’era un’espressione di astuzia e sulla bocca l’increspatura ricurva dell’ipocrita.


The thing was still loathsome – more loathsome, if possible, than before – and the scarlet dew that spotted the hand seemed brighter, and more like blood newly spilled. Then he trembled. Had it been merely vanity that had made him do his one good deed?

La cosa (il ritratto) era ancora orribile – più orribile, se possibile, di prima – e la goccia (dew: “rugiada”) scarlatta che macchiava la mano sembrava più brillante e più simile a sangue appena versato. Allora tremò. Era davvero stata semplicemente la vanità che lo aveva spinto a compiere la sua unica buona azione?


Or the desire for a new sensation, as Lord Henry had hinted, with his mocking laugh? Or that passion to act a part that sometimes makes us do things finer than we are ourselves? Or, perhaps, all these? And why was the red stain larger than it had been?

O il desiderio di una nuova emozione, come Lord Henry aveva suggerito, con il suo sorriso beffardo? O quella passione di recitare una parte, che qualche volta ci fa fare cose migliori (finer: “più delicato, più gentili”) di quel che siamo? O, forse, tutte queste cose insieme? E perché la macchia rossa era più estesa di quanto era stata?


It seemed to have crept like a horrible disease over the wrinkled fingers. There was blood on the painted feet, as though the thing had dripped – blood even on the hand that had not held the knife. Confess?

Sembrava essersi estesa come un’orribile malattia sulle dita rugose. C’era sangue sulle rappresentazione dei piedi (lett.: “sui piedi dipinti”), come se la cosa (il ritratto) avesse gocciolato; sangue persino sulla mano che non aveva impugnato il coltello. Confessare?


Did it mean that he was to confess? To give himself up and be put to death? He laughed. He felt that the idea was monstrous. Besides, even if he did confess, who would believe him?

Ciò significava forse che avrebbe dovuto confessare? (Che avrebbe dovuto) consegnarsi ed essere condannato (to put: “mettere”) a morte? Rise. Sentì che l’idea era mostruosa. Tra l’altro, anche se avesse confessato, chi gli avrebbe creduto?


There was no trace of the murdered man anywhere. Everything belonging to him had been destroyed. He himself had burned what had been below-stairs. The world would simply say that he was mad. They would shut him up if he persisted in his story.

Non c’era traccia dell’uomo assassinato da nessuna parte. Ogni cosa che gli era appartenuta era stata distrutta. Proprio lui aveva bruciato quello che era rimasto nel sottoscala. Il mondo (ossia: “La gente”) avrebbe semplicemente detto che egli era un folle. E se avesse insistito con la sua storia lo avrebbero rinchiuso.


… Yet it was his duty to confess, to suffer public shame, and to make public atonement. There was a God who called upon men to tell their sins to earth as well as to heaven. Nothing that he could do would cleanse him till he had told his own sin. His sin? He shrugged his shoulders. The death of Basil Hallward seemed very little to him.

… Eppure era suo dovere confessare, affrontare il discredito pubblico e fare pubblica penitenza. C’era un Dio che chiamava gli uomini a raccontare i loro peccati, alla terra come al cielo. Niente che avrebbe potuto fare lo avrebbe riscattato finché non avesse raccontato il suo peccato. Il suo peccato? Scrollò le spalle. La morte di Basil Hallward gli sembrava davvero poca cosa.


He was thinking of Hetty Merton. For it was an unjust mirror, this mirror of his soul that he was looking at. Vanity? Curiosity? Hypocrisy? Had there been nothing more in his renunciation than that? There had been something more. At least he thought so. But who could tell?…

Stava pensando a Hetty Merton. Perché era uno specchio ingiusto, questo specchio della sua anima che stava guardando. Vanità? Trasformismo? Ipocrisia? Non c’era stato nient’altro che questo nella sua rinuncia? C’era stato qualcosa di più. Almeno così pensava. Ma chi poteva dirlo?…


No. There had been nothing more. Through vanity he had spared her. In hypocrisy he had worn the mask of goodness. For curiosity’s sake he had tried the denial of self. He recognized that now.

No. Non c’era stato nient’altro. L’aveva salvaguardata soltanto per vanità (lett.: “Attraverso la vanità l’aveva risparmiata”). Nell’ipocrisia, egli aveva indossato la maschera della bontà. Per il gusto della novità (sake: “gusto, interesse, amore”) aveva voluto assaporare (he tried) la mortificazione dei propri appetiti. Ora lo vedeva chiaramente.


But this murder – was it to dog him all his life? Was he always to be burdened by his past? Was he really to confess? Never. There was only one bit of evidence left against him. The picture itself – that was evidence. He would destroy it. Why had he kept it so long?

Ma questo omicidio, lo avrebbe perseguitato per tutta la vita? Egli sarebbe stato per sempre oppresso dal suo passato? Doveva davvero confessare? Mai. Era rimasta soltanto una minuscola prova contro di lui. Il ritratto però – quello era una prova. Lo avrebbe distrutto. Perché lo aveva conservato tanto a lungo?


Once it had given him pleasure to watch it changing and growing old. Of late he had felt no such pleasure. It had kept him awake at night. When he had been away, he had been filled with terror lest other eyes should look upon it.

Una volta gli aveva dato piacere guardarlo cambiare e invecchiare. Ultimamente non aveva sentito più questo piacere. Esso (il ritratto) lo aveva tenuto sveglio di notte. Quando era stato via, si era sentito rabbrividire (lett. he had been filled with terror: “era stato pieno di terrore”) per la paura che altri occhi potessero vederlo.


It had brought melancholy across his passions. Its mere memory had marred many moments of joy. It had been like conscience to him. Yes, it had been conscience. He would destroy it.

Ciò aveva portato la malinconia tra le sue passioni. Il solo ricordo di esso aveva rovinato molti momenti di gioia. Era stato come una coscienza per lui. Sì, era stato la (sua) coscienza. Lo avrebbe distrutto.


He looked round and saw the knife that had stabbed Basil Hallward. He had cleaned it many times, till there was no stain left upon it. It was bright, and glistened.

Si guardò intorno e vide il coltello che aveva pugnalato Basil Hallward. Lo aveva pulito molte volte, finché non era rimasta alcuna macchia su di esso. Era lucido e brillava.


As it had killed the painter, so it would kill the painter’s work, and all that that meant. It would kill the past, and when that was dead, he would be free. It would kill this monstrous soul-life, and without its hideous warnings, he would be at peace. He seized the thing, and stabbed the picture with it.

Così come aveva ucciso il pittore, allo stesso modo avrebbe ucciso l’opera del pittore e tutto quello che l’opera (that, lett.: “quella”) significava. Ciò (ossia: “Questo gesto”) avrebbe ucciso il passato; e quando quello  (il passato) fosse stato morto, egli sarebbe stato libero. Avrebbe ucciso questa mostruosa “vita dell’anima”, e senza gli orribili rimproveri di essa, egli sarebbe stato in pace. Afferrò l’oggetto (il quadro, la tela) e pugnalò il ritratto.


There was a cry heard, and a crash. The cry was so horrible in its agony that the frightened servants woke and crept out of their rooms. Two gentlemen, who were passing in the square below, stopped and looked up at the great house.

Si sentì un grido e un tonfo. Il grido fu così orribile nella sua ferocia (ossia: “il grido fu così orribile per il dolore che esso esprimeva”), che i servitori terrorizzati si svegliarono e uscirono dalle loro stanze. Due gentiluomini, che stavano passando nella piazza sottostante, si fermarono e guardarono verso la grande casa.


They walked on till they met a policeman and brought him back. The man rang the bell several times, but there was no answer. Except for a light in one of the top windows, the house was all dark. After a time, he went away and stood in an adjoining portico and watched.

Essi camminarono finché non incontrarono un poliziotto e lo accompagnarono indietro. L’uomo (il poliziotto) suonò il campanello diverse volte, ma non ci fu risposta. Tranne che per una luce in una delle finestre più in alto (ossia: “dell’ultimo piano”), la casa era completamente buia. Dopo un po’ di tempo, (il poliziotto) si allontanò, si fermò in un portico adiacente e osservò (la casa).


“Whose house is that, Constable?” asked the elder of the two gentlemen. “Mr. Dorian Gray’s, sir,” answered the policeman. They looked at each other, as they walked away, and sneered. One of them was Sir Henry Ashton’s uncle.

“Di chi è questa casa, agente?” chiese il più anziano dei due gentiluomini. “Del signor Dorian Gray, signore” rispose il poliziotto. Si guardarono tra loro andando via, e sghignazzarono. Uno di essi era lo zio di Sir Henry Ashton.


Inside, in the servants’ part of the house, the half-clad domestics were talking in low whispers to each other. Old Mrs. Leaf was crying and wringing her hands. Francis was as pale as death.

Dentro, nella parte della casa destinata alla servitù, i domestici parzialmente vestiti stavano parlando l’uno con l’altro sussurrando (in low whispers: “con bassi sussurri”). La vecchia signora Leaf stava piangendo e si torceva le mani. Francis era pallido come la morte.


After about a quarter of an hour, he got the coachman and one of the footmen and crept upstairs. They knocked, but there was no reply. They called out.

Dopo circa un quarto d’ora, egli (Francis) prese il cocchiere ed uno dei domestici e salì al piano di sopra. Bussarono, ma non ci fu risposta. Chiamarono ad alta voce.


Everything was still. Finally, after vainly trying to force the door, they got on the roof and dropped down on to the balcony. The windows yielded easily – their bolts were old.

Tutto taceva. Infine, dopo aver provato invano a forzare la porta, salirono sul tetto e si calarono sul balcone. Le finestre cedettero facilmente, le loro serrature erano vecchie.


When they entered, they found hanging upon the wall a splendid portrait of their master as they had last seen him, in all the wonder of his exquisite youth and beauty.

Quando entrarono, trovarono appeso al muro uno splendido ritratto del loro padrone (ossia di Dorian), così come lo avevano visto l’ultima volta, in tutto lo splendore della sua magnifica gioventù e bellezza.


Lying on the floor was a dead man, in evening dress, with a knife in his heart. He was withered, wrinkled, and loathsome of visage. It was not till they had examined the rings that they recognized who it was.

Un uomo morto giaceva sul pavimento (lett. “Steso sul pavimento c’era un uomo morto”), in abito da sera, con un coltello nel cuore. Era avvizzito, rugoso e ripugnante in viso. Non fu che dopo averne esaminato gli anelli, che riconobbero chi era (ossia “che riconobbero che si trattava di Dorian Gray”).


Appunti Correlati: