Traduzione Mr Leopold Bloom ate with relish


JAMES JOYCE

MR LEOPOLD BLOOM ATE WITH RELISH

– da ULYSSES – Episode 4 –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

Mr Leopold Bloom ate with relish the inner organs of beasts and fowls. He liked thick giblet soup, nutty gizzards, a stuffed roast heart, liver slices fried with crustcrumbs, fried hencod’s roes. Most of all he liked grilled mutton kidneys which gave to his palate a fine tang of faintly scented urine.

Il signor Leopold Bloom mangiava con gusto le interiora di animali e di volatili. Gli piacevano la densa zuppa di rigaglie, i ventrigli alle noci, un cuore farcito arrosto, le fettine di fegato fritte con impanatura, le uova di merluzzo fritte. Più di tutto, gli piacevano i rognoni di montone grigliati, che offrivano al suo palato un fine retrogusto di urina vagamente odorosa.

Kidneys were in his mind as he moved about the kitchen softly, righting her breakfast things on the humpy tray. Gelid light and air were in the kitchen but out of doors gentle summer morning everywhere. Made him feel a bit peckish. The coals were reddening.

I rognoni erano nei suoi pensieri, mentre si muoveva cautamente per la cucina, aggiustando le stoviglie per la colazione di lei sul vassoio deformato. Nella cucina c’erano luce e aria gelide, ma fuori dalle porte (c’era) dappertutto un’accogliente mattina estiva. Lo faceva sentire un po’ affamato. I carboni si stavano facendo rossi.

Another slice of bread and butter: three, four: right. She didn’t like her plate full. Right. He turned from the tray, lifted the kettle off the hob and set it sideways on the fire. It sat there, dull and squat, its spout stuck out. Cup of tea soon. Good. Mouth dry. The cat walked stiffly round a leg of the table with tail on high.

Un’altra fetta di pane e burro: tre, quattro: giusto. A lei non piaceva pieno, il piatto. Giusto. Egli si volse dal vassoio, sollevò il bollitore dal fornello e lo pose di traverso sul fuoco. Esso (il bollitore) sedeva, ottuso e accovacciato, (con) il suo beccuccio all’infuori. Subito, la tazza di tè. Bene. Bocca secca. La gatta camminò impettita intorno a un piede del tavolo, con la coda all’insù.

“Mkgnao!”. “O, there you are”, Mr Bloom said, turning from the fire. The cat mewed in answer and stalked again stiffly round a leg of the table, mewing. Just how she stalks over my writing-table. Prr. Scratch my head. Prr.

“Miao!”. “Oh, eccoti qui”, disse il signor Bloom, scostandosi dal fuoco. La gatta miagolò in risposta, e avanzò di nuovo impettita intorno a un piede del tavolo, miagolando. Proprio come quando incede diritta sul mio scrittoio. Prr. Grattami la testa. Prr.

Mr Bloom watched curiously, kindly, the lithe black form. Clean to see: the gloss of her sleek hide, the white button under the butt of her tail, the green flashing eyes. He bent down to her, his hands on his knees.

Il signor Bloom guardava in maniera curiosa, amabilmente, la sinuosa sagoma nera. Pulita, a vedersi: la luminosità del pelo liscio, il bottone bianco sotto la base della sua coda, i verdi occhi scintillanti. Si curvò su di lei, (con) le sue mani sulle ginocchia.

“Milk for the pussens”, he said. “Mrkgnao!” the cat cried. They call them stupid. They understand what we say better than we understand them. She understands all she wants to. Vindictive too. Wonder what I look like to her. Height of a tower? No, she can jump me.

“Latte per la micetta”, disse. “Miao!” mugolò la gatta. Li chiamano stupidi. Loro comprendono che cosa diciamo meglio di quanto noi non comprendiamo loro. Lei comprende tutto ciò che vuole. (È) vendicativa, anche. Mi chiedo che cosa le sembri io. Dell’altezza di una torre? No, lei è capace di saltarmi.

Appunti Correlati: