Traduzione The conditioning centre


ALDOUS HUXLEY

THE CONDITIONING CENTRE

– da BRAVE NEW WORLD – CHAPTER 2 –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

The nurses stiffened to attention as the D.H.C. came in. “Set out the books,” he said curtly. In silence the nurses obeyed his command. Between the rose bowls the books were duly set out–a row of nursery quartos opened invitingly each at some gaily coloured image of beast or fish or bird. “Now bring in the children.”

Le bambinaie si irrigidirono sull’attenti all’entrare del Direttore del London Hatchery (ossia: “dell’Incubatoio di Londra”). “Preparate i libri” disse bruscamente lui (il Direttore). Le bambinaie obbedirono al suo ordine in silenzio. Tra le ciotole di rose vennero puntualmente disposti i libri – una fila di camere per bambini “in quarto” – aperti in modo invitante, ciascuno su qualche immagine gaiamente colorata di un animale, di un pesce o di un uccello. “Ora portate dentro i bambini”.

They hurried out of the room and returned in a minute or two, each pushing a kind of tall dumb-waiter laden, on all its four wire-netted shelves, with eight-month-old babies, all exactly alike (a Bokanovsky Group, it was evident) and all (since their caste was Delta) dressed in khaki.

Si affrettarono fuori dalla stanza (ossia: “Uscirono in fretta dalla stanza”) e ritornarono in un minuto o due, ciascuna spingendo una sorta di alto servo muto (ossia: “una sorta di carrello-scaffale su ruote”) carico, con bambini di otto mesi su tutti e quattro i ripiani di rete metallica, tutti esattamente uguali (un Gruppo Bokanovsky, era chiaro) e tutti (poiché la loro casta era la “Delta”) vestiti color kaki.

“Put them down on the floor.” The infants were unloaded. “Now turn them so that they can see the flowers and books.” Turned, the babies at once fell silent, then began to crawl towards those clusters of sleek colours, those shapes so gay and brilliant on the white pages.

“Metteteli giù sul pavimento”. I bambini furono scaricati. “Adesso voltateli in modo che possano vedere i fiori e i libri”. Voltati (ossia: “una volta che furono stati voltati”), i bambini all’inizio tacquero; poi cominciarono a gattonare verso quegli ammassi di colori brillanti, quelle forme così allegre e vivaci sulle pagine bianche.

As they approached, the sun came out of a momentary eclipse behind a cloud. The roses flamed up as though with a sudden passion from within; a new and profound significance seemed to suffuse the shining pages of the books. From the ranks of the crawling babies came little squeals of excitement, gurgles and twitterings of pleasure.

Mentre si avvicinavano, il sole uscì da una momentanea eclissi dietro una nube. Le rose si accesero come per effetto d’una improvvisa passione dall’interno; un’energia nuova e profonda parve pervadere le scintillanti pagine dei libri. Dalle file dei bambini che gattonavano uscirono piccoli gridolini di eccitazione, gorgoglii e cinguettii di piacere.

The Director rubbed his hands. “Excellent!” he said. “It might almost have been done on purpose.” The swiftest crawlers were already at their goal. Small hands reached out uncertainly, touched, grasped, unpetaling the transfigured roses, crumpling the illuminated pages of the books. The Director waited until all were happily busy. Then, “Watch carefully,” he said. And, lifting his hand, he gave the signal.

Il Direttore si sfregò le mani. “Eccellente!” disse. “Sembra quasi che sia stato fatto apposta”. I più veloci nel gattonare (lett.: “I gattonatori più veloci”) erano già alla meta. Le piccole mani si allungarono in maniera incerta, toccarono, afferrarono, sfogliando le rose trasfigurate, spiegazzando le pagine illuminate dei libri. Il Direttore attese fino a che non furono tutti allegramente occupati. Poi disse: “Guardate attentamente”. E alzando la mano, diede il segnale.

The Head Nurse, who was standing by a switchboard at the other end of the room, pressed down a little lever. There was a violent explosion. Shriller and ever shriller, a siren shrieked. Alarm bells maddeningly sounded. The children started, screamed; their faces were distorted with terror. “And now,” the Director shouted (for the noise was deafening), “now we proceed to rub in the lesson with a mild electric shock.”

La Capo bambinaia, che stava in piedi vicino a un pannello di comando, all’altro capo della stanza, abbassò una piccola leva. Ci fu una violenta esplosione. Sempre più lacerante, fischiò una sirena. Dei campanelli d’allarme suonarono disperatamente. I bambini sobbalzarono, urlarono; i loro visi erano sfigurati dal terrore. “E ora” gridò il Direttore (poiché il rumore era assordante), “ora procediamo a rafforzare la lezione mediante una leggera scossa elettrica”.

He waved his hand again, and the Head Nurse pressed a second lever. The screaming of the babies suddenly changed its tone. There was something desperate, almost insane, about the sharp spasmodic yelps to which they now gave utterance. Their little bodies twitched and stiffened; their limbs moved jerkily as if to the tug of unseen wires.

Mosse di nuovo la mano, e la Capo bambinaia abbassò una seconda leva. Il gridare dei bambini mutò improvvisamente di tono. C’era qualcosa di disperato, di quasi folle, negli urli acuti e spasmodici ai quali davano voce adesso. I loro piccoli corpi si contrassero e si irrigidirono; le loro membra si mossero a strappi come sotto lo strattone di fili invisibili.

“We can electrify that whole strip of floor,” bawled the Director in explanation. “But that’s enough,” he signalled to the nurse. The explosions ceased, the bells stopped ringing, the shriek of the siren died down from tone to tone into silence. The stiffly twitching bodies relaxed, and what had become the sob and yelp of infant maniacs broadened out once more into a normal howl of ordinary terror.

“Siamo in grado di far passare la corrente elettrica su tutta striscia di pavimento” urlò il Direttore a mo’ di spiegazione. “Ma per ora basta”, fece cenno alla bambinaia. Le esplosioni cessarono, i campanelli smisero di squillare, l’urlo delle sirene calò di tono fino a smorzarsi. I corpi, contratti rigidamente, si distesero, e quello che era diventato un singhiozzo e un urlo di bambini pazzi si allargò di nuovo un urlo normale, di terrore ordinario.

“Offer them the flowers and the books again.” The nurses obeyed; but at the approach of the roses, at the mere sight of those gaily-coloured images of pussy and cock-a-doodle-doo and baa-baa black sheep, the infants shrank away in horror, the volume of their howling suddenly increased. “Observe,” said the Director triumphantly, “observe.”

“Offrite loro di nuovo i fiori e i libri”. Le bambinaie obbedirono; ma, all’avvicinarsi delle rose, alla semplice vista di quelle immagini gaiamente colorate del micio, del chicchirichì, della pecora che fa bee bee, i bambini si tirarono indietro con terrore; e l’intensità delle loro urla crebbe improvvisamente. “Osservate” disse il Direttore con aria trionfante, “osservate”.

Books and loud noises, flowers and electric shocks–already in the infant mind these couples were compromisingly linked; and after two hundred repetitions of the same or a similar lesson would be wedded indissolubly. What man has joined, nature is powerless to put asunder.

Libri e rumori forti, fiori e scosse elettriche: ormai nella mente dei bambini (lett.: “nella mente infantile”) queste coppie erano unite in modo spiacevole; e dopo duecento ripetizioni della stessa lezione o d’altre simili, esse si sarebbero indissolubilmente fuse. La natura non ha la capacità di separare ciò che l’uomo ha unito.

“They’ll grow up with what the psychologists used to call an ‘instinctive’ hatred of books and flowers. Reflexes unalterably conditioned. They’ll be safe from books and botany all their lives.” The Director turned to his nurses. “Take them away again.” Still yelling, the khaki babies were loaded on to their dumb-waiters and wheeled out, leaving behind them the smell of sour milk and a most welcome silence.

“Cresceranno con ciò che gli psicologi usavano chiamare un odio ‘istintivo’ dei libri e dei fiori. Riflessi inalterabilmente condizionati. Staranno lontano dai libri e dalla botanica per tutta la vita”. Il Direttore si rivolse alle sue bambinaie: “Portateli di nuovo via”. I bambini vestiti di kaki, che ancora gridavano, furono caricati sui loro carrelli scaffalati e spinti fuori, lasciandosi dietro un odore di latte acido e un graditissimo silenzio.

Appunti Correlati: